GUARDA COME TI FREGO!

Le false teste di Modigliani nel fosso di Livorno

Era il 1984 e si festeggiava il centenario della nascita di Amedeo Modigliani, un grande artista di Livorno. Proprio nella città toscana, al Museo di Arte Moderna, fu allestita in quei giorni una mostra tutta dedicata a Modigliani. Qualcosa di strano, inaspettato e incredibile, tuttavia, accadde. Una leggenda narra che l’artista gettò nel Fosso Reale di Livorno tre sue sculture di teste. Le autorità decisero quindi di dragare il fosso. E, cosa incredibile, trovarono le tre teste. Gli storici e i critici d’arte gridarono alla scoperta sensazionale. La notizia fece il giro del mondo. Ma nonostante l’euforia del ritrovamento, alcuni critici d’arte ritennero false le tre teste, mentre altri le considerarono vere. Nacque una vera e propria disputa tra i critici e le trasmissioni televisive di ogni sorta ospitarono i protagonisti di questo dibattito che sembrava infinito.

Erano di Modigliani o erano false le tre teste trovate nel Fosso Reale di Livorno? Per un mese non si parlò quasi di altro. Finché tre studenti universitari rilasciarono al settimanale “Panorama” un’intervista in cui affermarono di essere gli autori delle tre teste ritrovate nel fosso. I tre si chiamavano (e si chiamano) Pietro Luridiana, Pierfrancesco Ferrucci e Michele Guarducci. Il Tg1 li invitò per scolpire in diretta una testa simile a quelle ritrovate. E la scolpirono, mettendoci davvero poco tempo. Sembrava identica a quelle del fosso. Intervistati, ammisero di aver scolpito soltanto una delle tre teste ritrovate. Le altre due le aveva scolpite Angelo Froglia, un portuale e artista livornese che purtroppo morì a soli 42 anni. Quando lo scherzo fu scoperto, alcuni critici d’arte che ritenevano le tre teste di Modigliani persero un po’ della loro reputazione, mentre ne acquisirono altri che da subito le ritennero dei falsi. Resta tuttavia lo scherzo, ormai passato alla storia, dei quattro livornesi.   

Il suo gesto resta nella storia. Anche se non si può considerare uno scherzo, si può comunque ritenere una beffa delle maglie di difesa più potenti del mondo e un grande messaggio di pace.       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: