“Ogni rigidità del carattere, dello spirito e persino del corpo risulterà dunque sospetta alla società, perché è il possibile indizio di un’attività che s’addormenta e anche di un’attività che si isola, che tende ad allontanarsi dal centro comune intorno a cui gravita la società, di un’eccentricità, insomma. E tuttavia la società non può intervenire qui con una repressione materiale, poiché non è colpita materialmente. Si trova in presenza di qualcosa che la inquieta, ma solo come sintomo – è appena una minaccia, tutt’al più un gesto. Vi risponderà dunque con un semplice gesto. Il riso deve essere qualcosa di simile, una sorta di gesto sociale. Per il timore che ispira, reprime le eccentricità, tiene costantemente deste e in rapporto fra loro alcune attività d’ordine accessorio che rischierebbero d’isolarsi e d’addormentarsi, addolcisce infine tutta la rigidità meccanica che può rimanere alla superficie del corpo sociale. Il riso non rientra dunque nel campo dell’estetica pura, perché persegue (inconsciamente, e in molti casi particolari persino immoralmente) l’utile meta di un perfezionamento generale. Tuttavia in esso c’è qualcosa d’estetico, poiché il comico nasce nel preciso momento in cui la società e la persona, libere dalla cura per la propria conservazione, cominciano a trattare se stesse come opere d’arte. In breve, se tracciamo un cerchio intorno alle azioni e alle disposizioni che compromettono la vita individuale o sociale e che si correggono da sé con le loro conseguenze naturali, al di fuori di questo terreno di emozioni e di lotte, in una zona neutra in cui l’uomo si offre semplicemente come spettacolo all’uomo, rimane una certa rigidità del corpo, dello spirito e del carattere, che la società vorrebbe a sua volta eliminare per ottenere dai suoi membri la più grande elasticità e la più alta socievolezza possibili. Il comico è tale rigidità, e il riso ne è la correzione”.

HENRI BERGSON, IL RISO. Saggio sul significato del comico,

Feltrinelli Editore, Milano, 2017, pp.22-23 (trad. di Federica Sossi)   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: