TIFOSI, AVETE ROVINATO LA VITTORIA DELLA MIA SQUADRA DEL CUORE

Erano 11 anni che l’Inter non vinceva lo scudetto, dopo quasi un decennio di dittatura della Juventus. L’Inter, la mia squadra del cuore da sempre. Non sono un patito del calcio, ma lo seguo e tifo Inter. E sono felice del suo scudetto. Anzi: lo ero. Vedere le immagini di trentamila folli in piazza del Duomo, che se ne infischiano del distanziamento e delle mascherine, è una scena triste. Tristissima. In piena pandemia da Covid-19, e in piena campagna vaccinale, momento in cui il virus dovrebbe circolare meno per non mutare, trentamila scellerati si accalcano, uno sopra l’altro, quando avrebbero potuto gioire della vittoria della loro squadra del cuore, e della mia, in un modo intelligente. Ripeto: intelligente. Perché qui si parla di stupidità, di mancanza di rispetto, di ignoranza criminale. L’indignazione che ne è seguita, a scoppio piuttosto ritardato, è sempre la solita nenia italica, secondo cui si preferisce far polemica – che sia politica, sportiva o di altro – anziché prevenire che i possibili drammi accadano. Perché di possibile dramma si sta parlando. Il dramma del Covid-19, degli oltre 120.000 morti italiani, dei 4 milioni di contagi, del dramma post-Covid di molti guariti, dell’economia e di coloro che non hanno potuto lavorare, degli infermieri ai quali tuttavia, da brava gente che siamo, dedichiamo statue e francobolli ma che con i nostri comportamenti recludiamo nei reparti con il su e giù dei contagi. Mi chiedo, tuttavia, una cosa: si sapeva che alle 17, in caso di non vittoria dell’Atalanta, l’Inter avrebbe vinto lo scudetto. Si sapeva. Lo sapevano il sindaco di Milano e le forze dell’ordine della città lombarda. Cosa, quindi, ha impedito di chiudere piazza del Duomo? Cosa ha impedito che si prevenisse un evento che era più che certo, anzi sicuro, ossia che in caso di scudetto dell’Inter ci sarebbero stati comportamenti del genere. Se questi comportamenti ci sono tutti i giorni, se li vedo con i miei occhi in tutti gli ambienti della vita quotidiana, figuriamoci se non si prevedevano nel caso del calcio. Mi chiedo come sia stato possibile quello che è accaduto. Mi dispiace, ma avete rovinato la mia felicità nel veder vincere lo scudetto alla mia squadra del cuore. Avrei voluto gioire, ma non me lo avete fatto fare. Resta solo da sperare, adesso, che fra due settimane non si ritorni ad un nuovo picco di contagi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: