COSA SIGNIFICA LA PAROLA TOSCANA “GANZO”?

La Toscana, insieme alla Sicilia, è la regione che ha dato nascita e corpo alla lingua italiana che parliamo tutt’oggi. Spesso è accaduto, nei secoli, che un termine scaturito da queste due regioni si diffondesse in tutta la nazione, da nord a sud, e che diventasse a tutti gli effetti una parola del dizionario della lingua italiana. Questo succede anche oggi. La lingua è una materia incredibilmente mutevole: ad arricchirla ci pensa il popolo, la gente, noi. Quando? Quando parliamo. Prima che un termine si diffonda nella lingua scritta, è perché già si è diffuso nella lingua parlata. Nel caso che qui trattiamo è successo lo stesso: un termine nato in Toscana circa tre secoli fa, e che in quella regione è uno dei più usati nel parlare quotidiano, si è diffuso praticamente in tutta Italia. Di quale parola parliamo? Di ganzo.

Che ganzo!

Quando si dice Che ganzo! di qualcuno o di qualcosa, in Toscana si intende dire di solito che è bello, piacevole. Una frase italiana molto usata che significa la stessa cosa èChe figo! O semplicemente Figo! Figo, parola sviluppatasi al nord, è un sinonimo di ganzo. Ma da cosa deriva ganzo? Secondo molti studiosi, esso deriva dal latino medievale gangia, che significa “prostituta”; ma anche dal tardo latino ganea, che significa “taverna”, “bettola” o “luogo di malaffare”. Niente di buono, insomma… Ma, sempre in latino, significa anche “dissolutezza”. Qualcuno lo fa derivare dal germanico gans, ossia giovane. Quindi, direte voi, vuol dire bello o si riferisce a qualcosa di brutto? Entrambe le cose. Cerco di spiegarvelo.

La ganza e il ganzo: gli amanti

Diciamo, ragazzi, che quando in Toscana si sente dire che Tizio è il ganzo di una donna, o che una donna è la ganza di un uomo, significa che è l’amante. La faccio breve: se Tizio è sposato ma ha un’altra donna, questa è la sua “ganza”. Stesso discorso ribaltando i generi sessuali e dicendo “ganzo”. In Toscana, sapete, le parole sono molto colorite, tanto che in diverse occasioni sfociano nella volgarità. E questo modo di dire non è certo dei più eleganti. Ma la volgarità in questione è diffusa da molto tempo in tutta Italia.

Ganzo e ganza brave persone

C’è anche un altro modo di usare il termine “ganzo” o “ganza”. Quando diciamo “che tipo ganzo!” si intende dire che una persona è piacevole, interessante, curiosa o brava. Sì, una brava persona, una persona buona. Se lo diciamo di una cosa, è come se dicessimo che è geniale, nel senso di valida, accattivante, positiva, buona. Un’ottima cosa, in definitiva.

Ganzi furbi e astuti

Bastavano questi significati? No. Ce ne sono altri. Ad esempio, un ganzo può anche essere un gran bel furbo, un individuo astuto, scaltro, per certi versi anche marpione, navigato o persino truffaldino, disonesto e sleale. Ganzo è il giocatore che con una finta supera l’avversario, ganzo (in senso ironico e dispregiativo) è colui che supera gli altri in fila; ganzo è colui o colei che va vestito o vestita in modo particolare e diverso dal comune; ganza è la persona che, anche se tu ci provassi, non riusciresti mai a fregare o ad ingannare; ganza è la persona simpatica e divertente, che ti fa ridere; ganzo è chi riesce ad affascinare gli altri con il suo atteggiamento, con o senza secondi fini; ganzo è qualcosa di positivamente sorprendente; ganzo è chi fa ciò che vuole, anche se non è socialmente accettato, senza recare danni agli altri.

FONTI:

ganżo in Vocabolario – Treccani

Ganzo, etimologia e significato – Una parola al giorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: