VIVIDO

Solo il silenzio mi àncora ad un fondo di sogni. Ancora percuoti la strada la carne il vento che cinge. Ci sono polveri che portate con l'indice alla bocca miscelano sostanza dipinta. Rabbia di amare amare certezze. Ed anche questo presente mi dona te.

10 COSE CHE NON TUTTI SANNO SUL COCOMERO

Ci siamo: insieme all’estate sono in arrivo tantissimi frutti buoni e colorati! Da qualche fruttivendolo ne ho già visti di grandi, esposti nelle casse, con la loro verde, brillante e tigrata buccia. Sto parlando dell’anguria, ragazzi o cocomero che dir si voglia. 1. L’origine di questo frutto è africana. Le prime testimonianze risalgono a più... Continue Reading →

PERCHE’ SI DICE “UCCELLO DEL MALAUGURIO?

Un modo di dire che racchiude millenni di storia Ma sei proprio un uccello del malaugurio! E' possibile che anziché “uccello” abbiate sentito dire – o magari abbiate detto voi stessi – uccellaccio. Ma perché si dice “uccello del malaugurio” e non, che so io, “scimmia del malaugurio”? Cosa avranno mai questi poveri uccelli di... Continue Reading →

IL MISTERO DEL “SALVATOR MUNDI”

Forse alcuni di voi avranno sentito parlare del Salvator Mundi. E per una ragione particolare e per certi versi incredibile. Ma che cos’è il Salvator Mundi? E perché è così famoso? Il quadro più costoso del mondo Il Salvator Mundi è un quadro della fine del ‘400 (o dei primi anni del ‘500) che ritrae... Continue Reading →

BREVE STORIA DELLO SPECCHIO

In principio fu l'acqua, poi lastre in metallo Proprio come fate voi, magari quando siete al mare o in riva ad un fiume o semplicemente vicino ad una pozzanghera, anche gli antichi guardavano il proprio volto riflesso sull'acqua. L'acqua è stato il primo specchio della storia dell'umanità. Poi alcuni popoli antichi il volto lo videro... Continue Reading →

L’INVENZIONE VIAGGIANTE, LO STRANIERO, LA DIFFERENZA

dal libro L'ORGINE DI ARLECCHINO E ALTRI SAGGI di Alambicco Ai tempi della Commedia dell'Arte, in Italia, intorno al 1550, si verificò un fenomeno molto interessante. Gli attori e i mimi, maltrattati dalla Chiesa che nei suoi editti li comparava ai ladri, alle prostitute, alle meretrici e agli assassini, non ricevevano appoggio da nessuno. Isolati... Continue Reading →

DIAVOLO E MALARIA. STORIE DALLA MAREMMA OSCURA. Di Alambicco

Il monaco Rodolfo il Glabro, là per l’anno 1000, descrive il Diavolo apparsogli come un “orribile nano” con “narici dilatate e bocca prominente”, mento a punta, denti da cane, barba caprina , orecchie aguzze e pelose. E’ una descrizione, questa, aderente a certe tradizioni e credenze popolari europee (e non molto attinente alla tradizione ecclesiastica)... Continue Reading →

TEMPERAMENTI DI SCRITTORE

di ALFONSO REYES (saggio breve tradotto per la prima volta all'italiano da Alambicco) Esistono diverse categorie di scrittori. Fra tutte, preferisco quelle stabilite da Remy de Gourmont: 1° Scrittori che scrivono, 2° scrittori che non scrivono. Schopenhauer ha proposto due classificazioni. La prima è una classificazione polemica piuttosto volgare: 1° Scrittori che scrivono per dire... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: